i miei pensieri, nell'etere
mercoledì 27 febbraio 2008
Posso, ma non so se voglio
Potrei studiare - anzi, dovrei proprio studiare.

Potrei leggere.
Potrei uscire - anzi, dovrei proprio uscire a fare la spesa.
Potrei dormire.
Potrei coricarmi sul divano a guardare la televisione per ore.
Potrei non pensare a nulla.
Potrei telefonare - ma alcune delle amiche che chiamo di solito le ho già sentite, e quindi questa carta non la posso più giocare.
Potrei fare un po' di cose, insomma. Ma la mia volontà si rifiuta.


Perchè ho un grado di positivismo che dura per una mezz'ora al massimo su un totale di ventiquattr'ore?
E tutto il resto?! E' noia?!?


Etichette: ,

 
posted by buИCiA at 17:23 | Permalink |


6 Comments:


  • At 28 febbraio 2008 07:42, OpenID bogianen

    Dai Simo..ci sono giornate così, credo un po' per tutti. A me capita spesso che dovrei fare certe cose (ad esempio è una settimana che dovrei mettere in ordine in camera mia ma rimando sempre!Ora però sono al collasso...). L'importante è saper sfruttare bene quella mezz'ora di positività che hai :)

     
  • At 28 febbraio 2008 11:30, Blogger Franz

    Ricordi l'altra sera? Parlando... tu mi risposi "io sono spesso così, io sono spesso come te... "
    Ed io lo sento questo stato d'animo. Lo vivo molto spesso anch'io. Inutile ripeterti quanto già detto ieri sera... forse hai solo bisogno di staccare. Di ripartire con qualcosa che ti stimoli veramente.
    Ti abbraccio

     
  • At 28 febbraio 2008 14:03, Blogger Gelato al limon

    potresti pensare di essere un'ape e sognare di volare su immensi campi di fiori colorati.

     
  • At 28 febbraio 2008 18:45, Blogger Simo

    Questo commento è stato eliminato dall'autore.

     
  • At 28 febbraio 2008 18:45, Blogger Simo

    Per sfruttare al meglio la positività ci vanno stimoli, e più sono, più aumenta il tempo in cui si è positivi (a mio parere).

    Pensavo a come sarebbe essere a strisce nere e gialle, avere due piccole ali sulla schiena e zigzagare tra molecole d'aria sparse su un campo colorato di fiori. e appena al di sotto di un azzurrissimo cielo...
    Invidio spesso gli animali. Quelli che possono volare senza il rischio di soffrire di vertigini, a maggior ragione.

    ;)

     
  • At 29 febbraio 2008 12:21, OpenID bogianen

    Anch'io invidio tantissimo gli animali: mi capita spesso di osservare piccioni, passerotti, cani, gatti nei loro comportamenti (passerei delle ore a farlo) e immaginare cosa pensano, cosa provano in quel momento...di loro adoro il fatto che non sono contaminati dalla "bruttezza" che noi essere umani spesso siamo in grado di esprimere con i nostri comportamenti.