i miei pensieri, nell'etere
sabato 29 marzo 2008
Dove finisce Milano?
Andare a Milano non mi fa lo stesso effetto che andare a Torino.
Quando arrivo a Torino, che sia in treno o in macchina, è come arrivare a casa (e forse, da qualche parte, l'ho anche già scritto). Milano, invece, non la conosco, non è casa. Milano è grande. Mi dà l'impressione di essere immensa. Che poi anche Torino è una città grande, ma Milano suscita in me delle sensazioni diverse.
Forse sarà per il fatto che ieri sera l'auto su cui viaggiavo ha dovuto battere strade e ancora strade in tangenziale, e altrove, prima di giungere alla meta. E sarà per il fatto che le strade erano così larghe, così ampie. Con quei grossi cartelloni pubblicitari ai lati, così alti, che io mi sono sentita piccola piccola. E poi l'auto è passata a fianco dello stadio San Siro (che sarebbe più corretto chiamare stadio Meazza), e lì mi sono sentita ancora più piccola. Pur essendo stata al suo interno già tre volte, quello stadio ha il potere di farmi sentire così minuscola, in confronto al sua gigantezza...
E tutto questo mi ha affascinato. Non so bene il motivo per cui l'ha fatto, ma mi ha affascinato. E ho pensato che andare a Milano per fare shopping e limitarsi a fare su e giù per Corso Como non fa accorgere della grandezza delle cose. E non lo fa nemmeno girare sotterraneamente in metropolitana. Non ci si accorge di quante cose, palazzi, e kilometri di strade siano riusciti a costruire gli uomini. Dove finisce Milano? Finisce? Perchè a me è sembrata essere una città immensa. Con il complice buio della notte che l'aiutava a nascondere i suoi confini.
Si. Milano è proprio grande.
(Ma Torino mi piace di più*).

Etichette:

 
posted by buИCiA at 11:01 | Permalink |


11 Comments:


  • At 29 marzo 2008 12:56, Anonymous Anonimo

    il fascino delle cose grandi, quelle senza confini. come il cielo. ho sempre pianto per quanto sono lontane le stelle. sarebbe così milano per me. mi sentirei tanto sola.

     
  • At 29 marzo 2008 13:11, Blogger Simo

    le grandi città sono disarmanti.
    sono stupende per la loro immensità. ma sono anche impressionanti per quanto ti facciano sentire un puntino infinitesimamente piccolo nell'universo infinitesimamente grande.

    e le stelle... dal fondo di uno spazio grande sembrano più lontane. ma si apprezzano anche meglio in tutto il loro splendore.

     
  • At 29 marzo 2008 13:15, Anonymous tendarossa

    Le grandi città son sempre più grandi e noi sempre più piccoli. Città a misura d'uomo (e di donna) no?

     
  • At 29 marzo 2008 14:56, Blogger Simo

    Io adoro Torino perchè è la via di mezzo tra il troppo grande e il troppo piccolo.
    Se vuoi, ti puoi nascondere. E, sempre se vuoi, puoi fare in modo di ritrovarti E di essere ritrovato*).

     
  • At 29 marzo 2008 19:51, Blogger Carmine

    Milano ha il fascino di farti arrivare ovunque con pochi passi. In un niente passi dal centro ricco e sfarzoso, pieno di monumenti al quartier old style o immerso nel verde. al quartiere ghetto. Milano la trovi nelle canzoni. Milano ha sempre cercato di essere qualcos'altro. Milano è l'arte di arrangiarsi. Non aveva fiumi e se li è fatti, non aveva montagne e se n'è fatta una. non aveva il mare e lo sogna davanti ad un idroscalo. è arrivata a portar addirittura le spiagge per cercare l'odore del mare.
    Milano è una malattia cronaca di cui tutti si lamentano ma che nessuno vuol curarsi.
    Torino, per quel poco che la conosco, ha vie più grandi ed alberate, palazzi più nobili. una città che cerca di non dar fastidio. Le luci sono tenui, i colori anche. il traffico è meno rumoroso e nessuno grida.
    Torino è una signora più educata il cui cuore è capace di grandi emozioni.
    Carmine

     
  • At 30 marzo 2008 16:11, Blogger Marco

    E' Torino è Torino. Non è una città come un'altra..
    Ciao Simo, non so se ricordi, ho preso il libro di Culicchia che m'avevi anche consigliato. L'ho appena iniziato, bello! ora sto per entrare nel corridoio...

     
  • At 30 marzo 2008 18:55, Blogger stellavale

    A volte ho come l'impressione che anche Torino sia troppo grande...

     
  • At 30 marzo 2008 22:11, OpenID bogianen

    Ciao Simo, come stai? :) Lo so..sono scomparso un po' dalla scena..ma questo tuo post mi dà l'occasione per raccontarti (e anche a Fabrizio, Max, e gli altri nostri afecionados in comune che ti leggono) qualche novità..Dopo tanti mesi di ricerca sono finalmente riuscito a cambiare lavoro..e indovina un po' do ve l'ho trovato? A Milano! (questo spiega anche la mia recente latitanza..). Così io, bogianen DOC, mi trovo a fare il pendolare su Milano. Sul confronto tra la nostra amata Torino e Milano scriverò un post..lo sto maturando in testa. Posso solo anticiparti questo: a Milano, la prima sensazione che ho avuto è proprio quella di sentirmi piccolo...

     
  • At 31 marzo 2008 09:06, Blogger Fabrizio - ikol22

    Io trovo che Carmine sia riuscito in pochissime righe a scrivere tutto di Torino. -- Un abbraccio -anche di conforto- a Giorgio !

     
  • At 31 marzo 2008 09:52, OpenID bogianen

    Grazie Fabrizio!

     
  • At 31 marzo 2008 20:34, Blogger Simo

    Ehi, che bello trovarvi tutti qua!!

    Bogia, aspetto questo nuovo post allora. In bocca al lupo per il nuovo lavoro, e se senti un po' la mancanza di Torino... pensa che sarà più bella rivederla, la prossima volta che tornerai a casa.

    ciau!