i miei pensieri, nell'etere
sabato 6 dicembre 2008
Sulle labbra era il sapore
No. Fu colpa di un no.
Se lei rimase chiusa in casa, senza nemmeno la volontà di alzarsi in piedi e allungare le dita verso l'interruttore.
Se lui continuò a vagare in auto senza meta, ma nemmeno senza un tragitto preciso; di sicuro non lo si poteva definire viaggio.
Fu colpa di un no, tutto questo.
Se Miss I rimase accovacciata a terra, stretta accanto al termosifone, unica fonte di calore, adesso.
Se Mr U abbassò il finestrino per far fuoriuscire il fumo danzante da una sigaretta all'altra.
Solo colpa di un no. L'amore è di una semplicità così complessa, a volte...
Rimase lì sulle labbra, il sapore di quel no. E tutti e due presero a mordersele contemporaneamente. Assaporandone il retrogusto amaro e blu.
Lo fecero allo stesso tempo. Ma non nello stesso luogo.



Etichette: ,

 
posted by buИCiA at 17:03 | Permalink |


10 Comments:


  • At 6 dicembre 2008 17:51, Blogger burro

    "L'amore è di una semplicità così complessa".. Nessun commento a questa frase..
    Ciao Simo, è da un bel po' che non scrivo e non commento i tuoi post, del tutto limitato in questo dalla mancanza di un pc e dalla pochissima voglia di scrivere sul blog che ho in questo periodo. Questo periodo l'ho passato a scrivere usando carta e penna, ho scritto piccoli racconti, frasi che mi venivano in mente prima che sfuggissero, lettere alle persone che contano davvero nella mia vita. Ma ho anche voglia di tornare ad inondare di parole il mio posto nel mondo.. Baci

     
  • At 7 dicembre 2008 01:41, Blogger Matthew

    Un bel pezzo da leggere. Non me la sento però di colpevolizzare il no, a volte serve assaporare un retrogusto amaro. E blu.

     
  • At 7 dicembre 2008 02:44, Blogger Bleek

    Mi piace sempre leggere gli gli attimi in cui fissi Miss I e Mr U. Ma questo già lo sai...

     
  • At 7 dicembre 2008 11:27, Blogger mIsi@Mistriani

    due personaggi così comuni,da poter essere ognuno di noi.

    eppure sono solo loro..
    I & U

     
  • At 7 dicembre 2008 12:40, Blogger buncia

    @burro: ciao!
    avevo letto il tuo ultimo post e avevo capito che, forse, il periodo era di quelli un po' no (tanto per rimanere in tema...).
    spero di poter tornare presto a leggerti.
    com'è l'atmosfera natalizia a coimbra? [io la detesto °__°].
    un abbraccio, e un saluto a pallina!

    @matthew: non lo colpevolizzo nemmeno io. a volte serve a gustare il blu... e non è detto che comporti sempre una negazione.

    @bleek: ^__^

    @misi@: come sopra... ^__^
    ;)

     
  • At 8 dicembre 2008 04:00, Blogger Fabrizio - ikol22

    Sentivo anch'io, qui, la mancanza dei commenti di "burro" e questo pezzo è da stelletta gialla (e tu sai cosa intendo).

     
  • At 8 dicembre 2008 14:59, Blogger Wildrunner

    Questo commento è stato eliminato dall'autore.

     
  • At 8 dicembre 2008 15:02, Blogger Wildrunner

    ...nello stesso tempo, ma non nello stesso luogo...
    Toccato! A volte la vita prende strade tortuose per pura mancanza di coordinazione.
    Ma le strade tortuose, spesso, sono le più panoramiche, le meno frequentate, le più interessanti: belle fino a fare, e farsi, male!

     
  • At 8 dicembre 2008 16:32, Blogger per te

    Mi piace pensare che Miss I e Mr U abbiano costruito una dolorosa catena di NO per riguardare se stessi in un cammino tortuoso, doloroso, troppo forse, fino a rinnegarsi in una solitudine cattiva, in una mancanza alienante, richiesta spesso intraducibile solo dell'altro.

     
  • At 8 dicembre 2008 21:17, Blogger Gianfranco

    Penso che si dicano molti meno no di quelli che si dovrebbe dire.
    Molto spesso non si dice per paura.
    Il no è incognita, insicurezza.
    Il no respinge ed allontana.
    Ma molto spesso è da un no che nasce il cambiamento...

    G.